Porno sul cellulare, ecco cosa cercano di più gli utenti

Ecco svelato, grazie ad una ricerca di un famoso sito per adulti, PornHub, che cosa cercano maggiornamente gli utenti sui loro smartphone e cellulari.

Intanto, tra i dati più interessanti c’è sicuramente quello che riguarda un incremento delle connessioni e visualizzazione dei filmati porno cellulare, infatti nei primi nove mesi del 2015 la percentuale di visitatori provenienti da telefonini e tablet si è assestata al 63% contro il 12% di cinque anni fa.

Per quanto riguarda il sistema operativo, è un testa a testa tra Android e iOS: 32% contro 31%.

Un altro dato interessante è che un utente su quatto è donna: quindi sempre più donne guardano porno.

In Italia, la percentuale di utenti che usano Android è del 52% mentre il sistema operativo Apple si ferma al 32%.

A seconda del sistema operativo usato cambiano anche i gusti sessuali: su iOS vince il bondage e fetish mentre su Android su cercano video porno di mamme, lesbiche, teen e le immancabili milf

 

milf separata cerca uomo giovane da dominare

Sono una libera professionista 38enne, separata da un anno, perché con mio marito le cose proprio non andavano. Io nel mio studio professionale comando a bacchetta i miei sottoposti, ed anche a casa, perfino a letto, mi piace rivestire un ruolo di comando.

Avrei dovuto scegliere quindi per me un marito più incline alla sottomissione, invece ne scelsi uno piuttosto prevaricatore, ed io non sono mai stata disposta a lasciarmi prevaricare, con tutti gli scontri che ne sono conseguiti, fino alla separazione.

Sì, sono una femmina dominatrice, che anche nel sesso vuole condurre i giochi, dominare e sottomettere il proprio partner.

Ora che sono finalmente libera, non ho più freni nè remore nel raccontare che sto cercando un ragazzo giovane, un Toy Boy, a patto che sia sottomesso e sia da dominare. Io sono una milf abbastanza matura e libera, incline alla dominazione femminile e con il pallino fisso del voler tenere tutto sotto controllo, compreso il piacere del mio partner ed anche il mio.
Il Toy Boy che sto cercando è un uomo giovane, purché maggiorenne, che accetta a letto la dominazione da parte della donna, e quindi sia disposto a diventare un oggetto di piacere, un giocattolo erotico pronto a mettere la sua volontà nelle mie mani.
Se è molto giovane, e magari anche inesperto, non è un problema: con me può imparare un sacco di cose, purché sia predisposto al farsi dominare incondizionatamente.
Io sono perfettamente in grado di prenderlo per mano ed insegnarli come comportarsi e come fare, come acquisire autocontrollo, come darmi il massimo del piacere anche a lungo, e come lasciarsi andare e venire a mio comando.

Perché l’uomo che voglio io ha proprio questa caratteristica: sa aspettarmi, continuando a scopare, fino a che non ho goduto fino ad essere soddisfatta, e poi viene quando lo dico io, e come dico io.

E’ questione di tecnica, qualunque uomo con una discreta capacità di autocontrollo e di contenimento può riuscirci, ed io questa tecnica posso insegnarla al mio Toy Boy.
Durante il rapporto sessuale vero e proprio, sarà considerato un vibratore, un dildo, a tutti gli effetti; con l’optional di poter alla fine venire, ma pur sempre sotto il mio controllo ed il mio piacimento.
Insomma, alla mia età ho pur bisogno di essere soddisfatta tramite un bel giovane che sappia compiacermi, che sappia fare in modo che io prenda da lui tutto il piacere che mi occorre per saziarmi di sensazioni ed emozioni.
Non ci sarà nessun coinvolgimento sentimentale, solo sesso fine a sè stesso e fine al piacere reciproco, con la clausola che io so anche essere una dominatrice piuttosto esigente, che pretende di avere il controllo completo del proprio uomo.

Se te la senti, sarà una bella sfida per te, una sfida che ti porterà a maturare nuovi convincimenti sulle possibilità di piacere femminile e sulle tue possibilità di ritardarti, contenerti.

Dovrai essere paziente, e la tua ricompensa sarà l’assistere ai miei orgasmi più osceni e animaleschi, prima che io decida che è il momento del tuo piacere. Te la senti? O per te è una sfida troppo impegnativa?

Il porno è stato Bannato dai Google Glass

Decisione contestabile da parte di Google, e soprattutto degli amanti del sesso e della tecnologia: il porno infatti è stato bandito dai Google Glass, e pertanto questo settore non potrà utilizzare le nuove tecnologie per evolversi.

Niente pornografia sui Google Glass

Triste notizia per coloro che amano il mondo a luci rosse, e che non disdegnano l’utilizzo dei dispositivi tecnologici per poter vivere nuove esperienze a sfondo sessuale.
Google infatti, in un comunicato stampa del 2013, ha annunciato che sarà possibile scaricare le diverse applicazioni per i Google Glass, ma che quelle pornografiche non avranno alcune possibilità di essere installata.
Una decisione presa in merito alle direttive che la stessa Google ha impartito agli sviluppatori delle tante applicazioni: nessun contenuto a sfondo sessuale o contenente nudità parziali o totali potrà essere contenuto in un’applicazione sviluppata per i Google Glass e per gli altri dispositivi di Google.
Un settore in continua espansione dunque che deve rinunciare all’utilizzo della tecnologia, che effettivamente avrebbe permesso agli amanti di entrambi di poter gioire del piacere che determinate applicazioni possono dare.
Non sono state però escluse le applicazioni che permettono di poter organizzare degli incontri clandestini, in quanto in esse difficilmente è possibile notare nudità, e dunque le suddette non violano i termini e condizioni di Google.
Due pesi e due misure che hanno diviso l’opinione pubblica, visto che da una parte vi sono coloro che hanno accettato e condiviso la scelta imposta da Google, mentre dall’altra coloro che non hanno ben gradito l’operazione che il colosso ha deciso di adottare.

L’unica applicazione porno per i Google Glass

A sfidare le direttive imposte di Google però ci ha pensato la Mikandi, che da diversi anni è proprio specializzata nella realizzazione di applicazioni pornografiche per dispositivi mobili.
I responsabili hanno creato infatti una piccola app che avrebbe permesso a tantissimi utenti di poter girare dei video amatoriali grazie proprio all’utilizzo dei Google Glass.
Questa consisteva nel permettere di registrare un filmato a luci rosse, ed in alta definizione, con inquadratura in prima persona.
Colui o colei che indossava i Google Glass infatti, avviando l’applicazione, aveva la possibilità di poter riprendere ogni singolo atto del rapporto sessuale, creando un filmato differente da quelli classici, i quali avrebbero avuto proprio una visuale in prima persona.
Una volta che il filmato veniva girato, e dunque giungeva al termine, l’applicazione bloccava la registrazione e la memorizzava nella memoria interna dei Google Glass.
I protagonisti del filmato avevano poi la possibilità di condividere sul web il loro filmato, oppure di tenerlo nella memoria del dispositivo, così come potevano scegliere di cancellarlo.
I responsabili della Mikandi hanno sostenuto che, nel momento del lancio, ben venti persone avevano scaricato l’applicazione, e che tantissimi utenti hanno osservato il video amatoriale realizzato da coloro che hanno voluto utilizzare la telecamera e l’applicazione del dispositivo mobile.
Un successo incredibile che però è durato un guizzo, visto che Google non ha di certo gradito questa sorta di iniziativa

L’occhio vigile di Google

Quando Google impone una legge, questa deve essere rispettata da tutti coloro che aderiscono al servizio, e se anche una sola regola dovesse essere infranta, Google potrebbe adottare dei comportamenti tutt’altro che leggeri.
E questa è stata proprio la legge che Google ha deciso di applicare nel momento in cui è venuta a scoprire dell’esistenza dell’applicazione della ditta Mikandi.
Essendoci nudità e rapporti sessuali, alcuni dei quali con protagonisti minorenni, l’azienda di Cupertino non ha tardato a prendere un provvedimento per molti definito drastico, ovvero la rimozione dell’applicazione realizzata dalla ditta Mikandi.
Google ha fatto in modo che, coloro che avevano installato l’applicazione, fossero impossibilitati ad utilizzarla, cancellando ogni dato relativo alla suddette applicazione, impedendone appunto l’utilizzo.
La Mikandi dunque si è dovuta arrendere al volere di Google, che ha ribadito i suoi concetti ed ha dimostrato che le sue leggi non possono essere infrante.

Per il mondo a luci rose dunque pare non vi sia spazio alcuno, in quanto non esistono applicazioni pornografiche per il dispositivo mobile di Google Glass, almeno fino ad ora, visto che i cambiamenti potrebbero avvenire tra diversi anni.

Incontri per adulti online

Nei secoli scorsi non esistevano né il telefono né tantomeno internet e le chat line e i rapporti tra gli adulti consenzienti che volevano conoscersi spesso erano dettati da appuntamenti clandestini, con tanto di lettere nascoste in alberi cavi o anonime amiche che organizzavano incontri che spesso si risolvevano in sparatorie o scenate di gelosia. Oggi, per fortuna, molte cose sono cambiate e le nuove tecnologie sono arrivate proprio in aiuto di quanti vogliono incontrare l’anima gemella.
I siti d’incontri per adulti online sono centinaia e tutti rappresentano una sola prerogativa: quella della libertà assoluta. Infatti, ogni utente che s’iscrive in queste chat o nei vari social network per incontri sa che dalla sua libertà, dalla voglia di mettersi in gioco, si potrà determinare l’incontro futuro. Ed ecco che i siti d’incontro online si trasformano in vetrine in cui mettere la foto migliore, mostrarsi senza veli pubblicando notizie sui propri gusti personali per favorire, di fatto, l’approccio.

Gli incontri, quando avvengono online, nascono per un impulso di tipo sessuale. In genere su internet si tende a trovare un partner consenziente e disposto a vivere la storia di una sola notte, ma ci sono anche valide eccezioni di chi, in chat o nei siti per adulti, ha trovato la propria anima gemella.

Comunicare nella società moderna è diventato quasi un optional per pochi perché oggi conta la sostanza dell’immagine: il proprio corpo è il mezzo di espressione più diffuso, quello che più di ogni altro è capace di favorire l’incontro. Con l’utilizzo delle web cam si rompe anche il tabù dell’anonimato e allora gli incontri per adulti online diventano più espliciti, a volte perversi, dove a prevalere è solo la sessualità.

Se ormai è diventato facile conoscere, approcciare e incontrare nuove persone bisogna comunque prevenire tutta una serie di rischi che in genere si possono trovare nei siti per incontri: gente perversa, persone con gravi disturbi della personalità ma anche donne o uomini che vivono anonimamente la privi vita sociale e che cercano soltanto di farvi perdere tempo.

Oggi gli incontri per adulti online stanno sostituendo quelli che erano gli approcci di una volta: il semplice invito che si poteva fare a una bella ragazza conosciuta in un caffè, o la donna che proponeva al collega di lavoro una pizza, stanno lasciando il passo a persone disponibili che vogliono vivere la propria intimità e la voglia di conoscere nuove persone soltanto nelle chat line.

In sostanza internet, come tutte le cose, può essere uno strumento incredibile per approcciarsi con le persone e, negli ultimi anni, casalinghe bisognose di affetto, cinquantenni che vogliono mettersi ancora in gioco e che sentono dentro quel bisogno di legare ne fanno largo uso. Il fenomeno dei siti per adulti è relativamente giovane, quindi, ma destinato a durare nel tempo: almeno fin quando esisterà il sesso.